LE DONNE DICONO
 
Le donne diconoLe donne dicono  IndiceIndice  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  Vai al sito!Vai al sito!  RegolamentoRegolamento  

Condividere | 
 

 Birmania, aiuti in vendita

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Girasole
Moderatrice
Moderatrice


Leone Numero di messaggi : 12515
Compleanno : 21.08.90
Età : 26
Località : BzTwn/BoTwn
Data d'iscrizione : 01.01.08

MessaggioOggetto: Birmania, aiuti in vendita   Ven 16 Mag 2008, 08:34

Birmania, aiuti in vendita
La giunta militare rivende gli aiuti stranieri destinati alle vittime del ciclone

La tragedia è tutt’altro che finita. Una tragedia inutile, voluta, cercata.

Commercio di aiuti. Oggi abbiamo riempito un furgoncino di cibo da portare nei campi profughi accampati nelle zone del delta. Chili di riso, verdure, aglio e legumi. L’autista del veicolo tira fuori dal cruscotto una bottiglia d’acqua minerale e dopo averne bevuto un sorso, in perfetto inglese dice di averla acquistata al mercato. La cosa non avrebbe sconvolto nessuno se la marca di quell’acqua non fosse stata Singha: un’acqua imbottigliata in Thailandia, mai approdata sul mercato birmano. Quella bottiglia faceva parte di un carico di viveri appena donato dal governo thailandese. “Gli agenti dell’Usda (Union Solidarity Development Association), i servizi segreti del regime, vendono gran parte delle risorse donate ai profughi ai mercati, le parti migliori le tengono per loro e una fetta minima la passano ai bisognosi”, ci confessa l’autista.
Una simile testimonianza l’avevamo raccolta appena tre giorni prima a Sittwe, capoluogo dello stato di Arakan, nel nord del Paese. “Qui ogni anno arrivano due o tre cicloni che uccidono centinaia di persone, ma nessuno ne parla perché qui non ci sono gli occidentali”, ci aveva detto il preside di una scuola privata. “L’anno scorso la Croce Rossa aveva donato migliaia di ottime coperte, ma il governo se le era tenute rimpiazzandole con degli stracci di bassissima qualità comprati in Cina, e poi le ha rivendute sul mercato a duemila Kyats (due dollari) l’una”.

Omissione di soccorso. Il nostro furgone viene fermato a un posto di blocco dell’esercito non lontano dalla ex capitale Yangon. Nonostante le nostre preghiere e spiegazioni, “vogliamo solo portare viveri a chi ne ha bisogno”, i soldati ci rimandano indietro. Non c’è modo, per nessun occidentale, di attraversare quei blocchi, di portare aiuto. Né per volontari indipendenti, né per operatori di Ong. La fame, la sete, le malattie stanno dilagando di minuto in minuto. Le organizzazioni sono impotenti. I magazzini dell’aeroporto di Yangon sono pieni di scatoloni, ma nulla arriva a chi ha un disperato bisogno del loro contenuto. “Hanno paura dei giornalisti”, continua a spiegarci l’autista. Paura che i giornalisti scrivano sull’omissione di soccorso e che denuncino il crimine di vendere ciò che è stato donato dalla comunità internazionale.
Esiste un personaggio molto apprezzato dal popolo birmano, una figura scomoda per i generali della giunta: Kyaw Thu, attore famoso, fondatore della Ffss (Free Funeral State Service), una fondazione che offre funerali completamente gratuiti a chi non può permettersene uno.
Decidiamo di andare al quartier generale della Ffss, dove troviamo, in un capannone, un centinaio di volontari che piegano vestiti e li impacchettano in sacchi e scatoloni. “Vi ringraziamo di cuore per questa donazione”, ci dice un anziano seduto a una scrivania, “purtroppo però non possiamo scrivere sul registro dei donatori che questo materiale proviene da occidentali, il governo ci darebbe molti problemi”.

Gianrigo Marletta


fonte www.peacereporter.net

Questo è vergognoso! Mad

_________________
Uso i periodi di merda per concimare il mio futuro - Davide Capelli.




Human behavior never lies.
Tornare in alto Andare in basso
Elrond
Moderatrice
Moderatrice


Gemelli Numero di messaggi : 12340
Compleanno : 25.05.82
Età : 34
Località : Provincia di PV
Data d'iscrizione : 03.01.08

MessaggioOggetto: Re: Birmania, aiuti in vendita   Ven 16 Mag 2008, 10:17

Dio mio...
torno sempre su quello che ormai è il mio pensiero: HOMO HOMINI LUPUS No

_________________
Tornare in alto Andare in basso
 
Birmania, aiuti in vendita
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Cinzia Pellin opere in vendita sul secondario
» VENDITA PRODOTTI EZFLOW
» Nfu.Oh Acrilic Germany
» * Enti autorizzati per paese estero
» epilazione laser!

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
LE DONNE DICONO :: DISCUTIAMO DI... :: Fatti di cronaca-
Andare verso: